domotica-vocale

Domotica vocale, di cosa si tratta e come funziona

Cos’è la domotica vocale e come funziona? Perché si dovrebbe pensare di installare qualcosa del genere e in quali contesti? Per tutte le informazioni, basta proseguire la lettura! Per i materiali, invece, si può fare riferimento al nostro shop!

Di cosa si tratta

La domotica vocale è un impianto che riconosce i comandi vocali. In questo modo, al termine dell’installazione, tutti i componenti della famiglia possono dare dei comandi vocali e vedere la casa reagire in base ai comandi.

In passato, questa prospettiva era considerata fantascienza, ma oggi è possibile grazie a diverse innovazioni e alla riduzione dei costi per gli apparecchi di riconoscimento vocale. Come non pensare alla svolta di Amazon e di Google in tal senso: queste multinazionali hanno dato impulso al settore con apparecchi semplici e dai costi contenuti, ma che da soli non bastano.

Infatti, serve un impianto elettrico e non solo completo, che trasformi la voce in impulso elettrico e, quindi, nella realizzazione dei comandi più semplici, come può essere accendere una luce o la TV. Come funziona e come è possibile tutto questo?

Come funziona

Quando si parla di domotica vocale si parla dell’intero impianto, dall’apparecchio che riceve il comando vocale e lo decodifica alle varie applicazioni impiantistiche. Una volta installato l’impianto, per il riconoscimento vocale ogni componente della famiglia registra la propria voce con il dispositivo.

Così, questo sarà in grado di riconoscere sia il comando, sia chi lo fa. Ora, i comandi sono abbastanza standard, come “Spegni la luce”, “Accendi la TV”. In più, l’apparecchio di riconoscimento vocale ha un sistema operativo (iOS/Android, come quelli degli smartphone), che permette di fornire informazioni a tutto l’impianto.

Per funzionare, serve una connessione Wi-Fi molto potente. Infine, nell’impianto vengono installate delle placche, collegate tra loro tramite Wi-Fi. Queste sono invisibili, perché sono all’interno del muro. Infine, una volta dato il comando, sono proprio le placche a “eseguirlo”.

C’è anche un pratico pannello di controllo: si tratta di un pratico schermo LCD per gestire tutte le impostazioni.

Oltre alle placche, ci sono anche dei sensori, che permettono alla casa di “gestire da sola” illuminazione, temperatura, ecc. Questi sistemi si possono anche regolare a comando.

Costi

I costi dipendono dall’estensione dell’impianto. Per i materiali, invece, i costi sono molto ridotti: si parla anche di meno di 100 Euro per il sistema di riconoscimento vocale. Per saperne di più, conviene chiedere un preventivo alla ditta che si occupa dei lavori, per ottenere una stima per la propria abitazione.

Campi di applicazione

Di solito, i sistemi di domotica vocale si trovano nelle case e nei piccoli uffici. In particolare, è possibile gestire con questo sistema:

  • Temperatura.
  • Umidità in casa.
  • Elettrodomestici grandi e piccoli.
  • Tecnologia che supporta la rete wi-Fi.

La prima cosa da fare per avere un sistema del genere è chiamare una ditta valida, che offra un progetto competitivo e sicuro di domotica vocale.

Published by

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *