Archivio mensile:Dicembre 2017

proiettori-natalizi

Proiettori Natalizi, quali scegliere: ecco qualche consiglio

I proiettori natalizi sono un’innovazione recente. Una volta collegati alla rete elettrica, sono in grado di illuminare diversi metri quadri di esterni, senza la fatica di dover installare le serie sul tetto. L’effetto è davvero unico e originale, oltre che conveniente e sicuro. Nella sezione dello shop dedicata ai proiettori natalizi si trovano gli strumenti ideali per illuminare l’abitazione e renderla originale in vista delle Feste!

Cosa sono i proiettori natalizi

Si tratta di piccoli fari che, posizionati all’esterno e rivolti contro una parete, proiettano delle immagini a tema natalizio. Questi strumenti si possono mettere tranquillamente in giardino, o sul balcone. Non c’è nessun problema, perché si tratta di elementi pensati per essere usati fuori.

I proiettori si possono usare per illuminare con temi natalizi (fiocchi di neve, albero, renne con Babbo Natale, regali, ecc.), a patto di tenerli a giusta distanza dalla superficie da illuminare. Una volta acceso, il proiettore offre spettacolari giochi di luce e consuma pochissimo, grazie all’utilizzo dei LED all’interno dello strumento.

Esempi di utilizzo

L’uso corretto del proiettore è quello esterno. Si sceglie la superficie, per esempio la porta di casa o la facciata dell’abitazione e si posiziona il faretto a 5 metri di distanza. Si attacca la spina, si accende e la facciata esploderà subito di luci e colori natalizi!

In alternativa, le luci a LED del proiettore si possono usare anche per decorare soggiorni e camere dei bambini. Anche qui, basta collegare il proiettore per decorare con luci strepitose senza mettere un chiodo. Ovviamente, il proiettore va usato con la luce della cameretta spenta.

Tramite il circuito con bottone, è possibile gestire gli effetti di luce e disporne l’intensità. Il sistema garantisce consumi bassi e luci dai colori intensi, come il rosso e il verde, tipici del periodo natalizio.

Caratteristiche dei proiettori natalizi domestici

Rispetto ai proiettori natalizi dei grandi centri commerciali, i proiettori natalizi domestici riescono a illuminare una zona più ristretta. In questo modo, si illumina comunque una stanza (una superficie di 8×8 metri, per esempio), e si riducono anche i consumi che invece avrebbe un proiettore in grado di illuminare 20 o 30 metri quadri.

I motivi possono essere tantissimi e sono il vero criterio di scelta. I proiettori natalizi per la casa, infatti, sono garantiti con la sigla IP65. In confezione, questa sigla indica il grado di protezione, ovvero che il proiettore è resistente alla polvere e all’acqua.

Questo lo rende ideale per l’uso esterno: in caso di pioggia, il proiettore non causerà cortocircuiti o incendi. In più, data la resistenza alla polvere, si può usare tranquillamente in giardino. Una volta usato, il proiettore scelto si potrà conservare accanto alle decorazioni natalizie, per usarlo l’anno successivo. Insomma, un’idea regalo speciale per tutta la famiglia.

albero-di-natale

Come addobbare l’albero di Natale

L’albero di Natale rappresenta al meglio le festività! Cosa sarebbe un albero di Natale senza luci natalizie? Tantissime sono le scelte disponibili: le tende o le milleluci, le luci a rete led e persino le luci bifacciali possono essere idee utili per decorare l’albero di Natale per il 2017 in modo professionale e originale.

Come scegliere le luci migliori e quali sono le caratteristiche di queste serie natalizie?

Perché usare le luci a LED

Le luci a LED si usano sia per sicurezza che per consumi. Un albero di Natale non può restare spento, quindi le luci saranno accese per molto tempo. Le luci a LED garantiscono:

  1. Consumi ridotti. Rispetto alle luci tradizionali, le lampade a LED consumano molto meno;
  2. Sicurezza. Queste luci non emettono calore. Anche se accese, non ci sarà il rischio di creare un cortocircuito o che l’albero venga invaso dalle fiamme!

Per ottenere maggiore sicurezza, si consiglia di non sovraccaricare una sola spina per collegare tutte le serie di luci per addobbare l’albero di Natale.

Tende e stringhe

Le tende e le stringhe a LED sono il supporto più utilizzato. Di cosa si tratta? Le tende sono una serie di luci a LED collegati alla serie principale con dei fili elettrici, che fanno quasi da rami. Si usano sia per addobbare l’albero, sia per gli esterni.

Le stringhe, invece, sono le serie con diverse luci che si applicano all’albero per decorarlo. Possono avere diversi colori e, di solito, hanno una lunghezza di diversi metri, per permettere di far passare la serie tra i vari rami dell’albero.

Quando si sceglie la serie giusta, si possono preferire alcuni giochi ed effetti luce, piuttosto che altri. La serie, quindi, ha un circuito interno con bottone, che permette di scegliere come gestire al meglio le luci (per esempio, se devono illuminarsi un poco alla volta, o più velocemente e gli intervalli di tempo nei modelli più all’avanguardia).

Le luci a LED bifacciali e le reti

Le luci a LED bifacciali sono luci che possono avere due colori diversi nello stesso momento. Da un lato, quindi, si otterranno luci di un colore diverso rispetto all’altro lato. Si tratta di luci usate sia per gli esterni che per decorare l’albero di Natale.

Per essere certi di addobbare tutti i rami dell’albero, si può scegliere una rete di luci a LED. Basterà infilare un ramo nella rete per decorarlo velocemente, magari accanto a una stringa. Il risultato sarà brillante per le feste.

Consigli utili

Le serie devono avere protezione minima IP44, per evitare eventuali problemi con l’umidità. Prima di inserire le decorazioni, è importante mettere prima le luci, in modo da non sbagliare. Le luci a LED sono fredde, quindi anche sicure per i bambini!

Potete trovare le migliori luci per il vostro albero di Natale nel nostro shop.

condensatore

Cos’è un condensatore, come funziona e come viene usato

Chiamato anche capacitore, il condensatore è uno strumento importante per garantire la sicurezza nei circuiti elettrici. Se si cerca un condensatore valido, è il caso di visitare la sezione dedicata dello shop, dove si potranno trovare condensatori di diverse misure, in base alle richieste del proprio elettricista.

Cos’è e come funziona un condensatore? Si tratta di un contenitore di carica elettrica, che può essere liberata in base alle proprie esigenze. Compito del condensatore è mantenere la carica elettrica potenziale per sprigionarla quando serve.

Questo strumento non ha sempre le stesse misure e la stessa capacità elettrica. In base a quello che serve fare, il condensatore può avere misure diverse e capacità differenti, riportate in confezione per scegliere lo strumento giusto.

Cos’è un condensatore

Il capacitore o condensatore è un contenitore con due lastre alle estremità. Queste, chiamate armature del condensatore, hanno una carica positiva e una negativa, come se l’oggetto fosse una batteria. In questo modo, lo strumento è in grado di conservare in un sistema chiuso la carica elettrica. Sfruttando il campo magnetico che si crea, si riesce a mantenere la carica elettrica stabile.

Per capire la capacità di un condensatore, si usa il Farad (F). Le confezioni di condensatori di piccole dimensioni riportano anche il microfarad (µF) e il nanofarad (nF). In alternativa, si può trovare anche l’indicazione di picofarad (pF).

Come funziona il condensatore

Il condensatore funziona in due modi:

  1. Carica energia elettrica;
  2. Rilascia energia elettrica (nel gergo si dice “scarica”).

La carica elettrica passa per una delle due lastre, finché non la elettrifica completamente. A questo punto, gli ioni negativi passeranno all’altra lastra opposta, fino alla capacità elettrica massima del condensatore. Si completa così la fase di carica.

Nella fase di “scarica”, la carica elettrica passa a un terminale. Questo passaggio comporta una scarica molto violenta dell’energia immagazzinata.

Come usarlo

In base al tipo, il condensatore viene usato per regolare la carica elettrica all’interno dei circuiti elettrici.

  • In poliestere è ideale per circuiti con voltaggio inferiore ai 1000 V;
  • In vetro è consigliato per una maggiore stabilità;
  • In polistirene è quello più piccolo, ideale per piccoli lavori in circuiti chiusi;
  • In politetrafluoroetilene si trova quello più potente, quindi più costoso.

Oltre a questi, ci sono i modelli elettrolici:

  • In alluminio. Sono compatti e a polarità invertita;
  • In tantalio. Sono affidabili se non si supera la carica consigliata;
  • A doppio strato. Sono quelli che si trovano nei dispositivi elettronici;
  • Aerogel. Sono a maggior capacità e sono usati nei circuiti di grandi dimensioni.

Se non si sa come usare il condensatore e quali sono le caratteristiche necessarie, è bene contattare un elettricista, che sappia quale strumento usare per far funzionare bene l’impianto elettrico. Tra i diversi modelli nello shop, ci sarà quello adatto!