impianto-vintage

Come fare un impianto elettrico vintage

Siamo nell’era della domotica, della casa intelligente, e giorno dopo giorno la tecnologia entra e rivoluziona la nostra vita, tanto da permetterci di controllare tutte le funzioni domestiche da un unico punto di controllo. Anche i materiali elettrici sono sempre più evoluti, dai punti luce ai lampadari.
Eppure, il materiale elettrico di una volta è tutt’altro che inutile: al contrario, è ancora garanzia di affidabilità e sicurezza, ed è sbagliato scartarlo a priori pensando che non siano più adeguati. Soprattutto in una casa al mare o in montagna, il materiale elettrico vintage può tornare molto utile, sia per ragioni estetiche (pensiamo a uno chalet di montagna), sia per questioni economiche (costa meno).

Punto Luce ha una sezione dedicata ai materiali elettrici di una volta: vediamo come usarli per fare un impianto elettrico vintage.

Fare un impianto elettrico vintage: consigli di stile (e sicurezza)

Innanzi tutto, è bene specificare una cosa: che sia fatto con materiale elettrico di una volta o con le più innovative trovate tecnologiche, un impianto elettrico dev’essere a norma di legge e a regola d’arte da un professionista. Su questo non si deve transigere.

Installare un impianto elettrico è un compito che va affidato a un elettricista, che valuterà la planimetria della casa e stilerà un progetto di massima in cui tutti gli elementi dell’impianto siano posti in una posizione accessibile e sicura. Il quadro elettrico deve essere dotato di salvavita e di linee sufficienti per coprire tutta la casa e le esigenze elettriche. Ogni elettrodomestico deve avere una presa ad hoc (soprattutto i grandi elettrodomestici), fili e cavi devono essere nascosti e le prese poste in punti ben precisi a seconda dell’ambiente e delle necessità.

Per una casa in montagna

gi-gambarelli-cottoDetto questo, i materiali elettrici vintage permettono soluzioni estetiche molto suggestive soprattutto per case al mare o in montagna.
Come già accennato in precedenza, proviamo a pensare agli chalet di montagna: accoglienti, rilassanti, in armonia con la natura, con colori caldi quali marrone, grigio, legno, avorio, beige.
Il legno è il materiale più usato, travi di legno, pareti di pietra e un bel camino il tocco in più: ecco che un impianto elettrico con articoli elettrici della linea Cotto, della linea Pietra o della linea Sasso di Le Prolunghe andrà a sposarsi armoniosamente con l’arredamento, integrandosi con esso e valorizzandolo allo stesso tempo.

Per mare o città

Lo stesso vale per una casa al mare: perché non scegliere un prodotto della serie Elite sempre di Le Prolunghe, in porcellana bianca, per intonarsi ai colori chiari e freschi tipici delle case in   città sul mare?
A seconda del tipo di arredamento e dello stile architettonico, possiamo scegliere i materiali elettrici vintage anche per la nostra abitazione in città: per esempio, la linea Europa in porcellana bianca è l’ideale se si cerca per la propria casa un’eleganza sobria, di classe, con un retrogusto d’altri tempi.

I materiali di una volta proposti da Punto Luce,  in porcellana, in cotto e pietra lavica, da un lato offrono le suggestioni degli impianti di qualche anno fa e dall’altro garantiscono sicurezza e affidabilità: dalla prese tv agli isolatori, dai rosoni alle scatole di derivazione, gli articoli offerti da Punto Luce sono belli a vedersi e assolutamente a norma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *