Come pulire il climatizzatore prima di riutilizzarlo

Punto Luce Blog: la tua guida al materiale elettrico ed elettronico

Nessun commento /
Ruggero /
30/05/2022

Un condizionatore d’aria è un “apparecchio” che è passato dall’essere un prodotto esclusivo che si trova solo in alcuni negozi e in poche case, a essere un elettrodomestico di uso comune e per molti motivi irrinunciabile.

Questa evoluzione è dovuta principalmente alle riduzioni di prezzo, possibile grazie alla proliferazione di numerosi marchi sul mercato, ma anche allo sviluppo di nuove tecnologie.

Come qualsiasi altro apparecchio, anche i condizionatori d’aria richiedono una pulizia e una manutenzione minime per funzionare correttamente più a lungo. Con questi presupposti, vediamo insieme come pulire il climatizzatore prima di riutilizzarlo.

Pulire il climatizzatore: i filtri

Abbiamo detto che la pulizia di un climatizzatore è un’operazione periodica necessaria. Il primo elemento da prendere in considerazione in tal senso è quello dei filtri. Si consiglia quindi di controllare se il filtro del condizionatore è in perfette condizioni prima di iniziare ad utilizzarlo in estate, perché anche da questo dipende la qualità dell’aria che si respira in casa o in ufficio. Il filtro, infatti, svolge un ruolo fondamentale nel funzionamento del dispositivo in quanto è responsabile della purificazione dell’aria.

Per questo motivo è importante conoscere il modo corretto di mantenerlo in modo da prolungarne la vita, migliorarne le prestazioni ed evitare problemi respiratori. Infatti, mantenere puliti i filtri del condizionatore non solo eviterà odori sgradevoli durante il funzionamento, ma migliorerà anche le prestazioni del dispositivo riducendo il consumo di energia ed evitando problemi dovuti all’allergia alla polvere o ai pollini. La pulizia del filtro è molto semplice e richiede solo pochi minuti.

I produttori generalmente consigliano di farla almeno una volta al mese, ma la frequenza in realtà dipende dall’utilizzo del dispositivo e dalle condizioni ambientali.

  • Tempo. Per non intasare il filtro, sarebbe opportuno evitare di superare il tempo di utilizzo specificato nel manuale di manutenzione. Alcuni condizionatori progettati per spazi ristretti possono durare circa 400-600 ore. I condizionatori più potenti, invece, dovrebbero essere controllati almeno una volta all’anno.
  • Ambiente. È importante capire il tipo di aria che il condizionatore d’aria cattura dall’esterno. Nelle zone ad alto tasso di inquinamento (aree industriali e grandi città), i filtri devono essere puliti più frequentemente.

Il primo passo per pulire il filtro del condizionatore d’aria è quello di assicurarsi che l’unità sia spenta in modo che non si attivi durante la pulizia. Per questo motivo, è fondamentale ricordarsi di spegnere completamente il dispositivo e scollegarlo dalla fonte di alimentazione per evitare che possa avviarsi attraverso il timer. Una volta fatto questo, è possibile iniziare a lavorare all’interno del climatizzatore senza incorrere in alcun rischio.

È importante sapere che in nessun caso si dovranno utilizzare prodotti chimici, detergenti abrasivi oppure effettuare raschiamenti energici delle fibre del filtro, poiché ciò potrebbe alterarne la struttura, creare fori e impedire il corretto funzionamento del filtro, danneggiandolo. Eseguendo correttamente la pulizia dei filtri del condizionatore d’aria, sarà possibile mantenere un ambiente igienico e privo di odori nella casa. È fondamentale sapere che i filtri del condizionatore d’aria sporchi possono causare vari inconvenienti.

Tra i principali troviamo un aumento del consumo di energia e degli odori. In effetti, polvere e grasso sfregano semplicemente contro l’aria. Qualsiasi muffa o polvere fine bloccata nel filtro del condizionatore può anche introdurre aria maleodorante nell’ambiente. In presenza di questi sintomi, è necessario procedere con la pulizia, che permette anche di risparmiare col condizionatore.

Come pulire i filtri dei climatizzatori

La pulizia dei filtri dei climatizzatori varia in funzione del modello di elettrodomestico. Nel dettaglio:

  • Climatizzatore Split. Per pulire il filtro di un condizionatore d’aria split, è necessario rimuoverlo e risciacquarlo con acqua calda, quindi strofinarlo delicatamente a mano. È possibile usare sapone morbido, come un disinfettante per le mani, se necessario. È importante ricordare di non utilizzare prodotti detergenti aggressivi in ​​quanto potrebbero danneggiare il filtro, e di non usare spazzole rigide per evitare buchi. Infine, è sufficiente lasciare asciugare il filtro all’ombra prima di reinserirlo nel dispositivo.
  • Climatizzatore canalizzato. Solitamente questo tipo di condizionatore d’aria viene utilizzato in locali commerciali ed edifici. In un condizionatore d’aria canalizzato, il filtro si trova sul retro dell’unità. Per rimuovere il filtro è necessario sollevare parte del tetto e rimuoverlo dall’unità. In questo modo, il filtro potrà essere pulito in maniera “tradizionale” proprio come il filtro di altri modelli di climatizzatore. Tuttavia, alcuni condizionatori canalizzati non hanno filtri lavabili, motivo per cui devono essere sostituiti con quelli nuovi. Quando la sostituzione non si rende necessaria è invece possibile procedere tranquillamente. Questo non è però il caso dei sistemi che supportano il ricircolo dell’aria negli edifici o negli impianti industriali, poiché in queste situazioni è necessario contrastare la proliferazione di microrganismi e batteri e per eliminarli non bastano acqua e sapone. I condotti devono essere trattati con cura, utilizzando strumenti e prodotti specifici. In altre parole, si tratta di procedure che solo ditte professionali possono attuare.

Manutenzione del climatizzatore

Oltre alla pulizia dei filtri ci sono anche altre azioni da non trascurare per una corretta manutenzione del climatizzatore: la pulizia del motore e il controllo del liquido/gas refrigerante.

  • Pulizia del motore. Non si deve dimenticare che per avere un condizionatore efficiente è necessario pulire anche il motore esterno. Questo può essere fatto prima strofinando con una scopa per spolverare, quindi passando le superfici con un panno umido e sapone. Il miglior detergente in questi casi è uno sgrassatore multiuso. Se le griglie di areazione sono particolarmente sporche e intasate, per rimuovere lo sporco è possibile utilizzare un aspiratore: è molto importante che il motore funzioni e sia privo di ostacoli se si vuole mantenere il sistema in funzione per lunghi periodi di tempo.
  • Controllo liquido/gas refrigerante. È utile controllare il livello del liquido o del gas refrigerante almeno ogni due anni ed eventualmente cambiarlo. Il liquido refrigerante infatti scorre all’interno del circuito di condizionamento e percorre metà del suo percorso sotto forma di gas. Il controllo o la sostituzione del liquido di raffreddamento però, non sono operazioni che è possibile eseguire in autonomia.  Al contrario è fondamentale affidarsi a un tecnico professionista capace di valutare la pressione del fluido in macchina. Dopo alcuni anni, il climatizzatore potrebbe perdere un po’ di gas senza che senza che sia possibile accorgersene, a scapito dell’efficienza della macchina. La sostituzione del gas permette di continuare a utilizzare regolarmente il climatizzatore.

Punto Luce: gli esperti del materiale elettrico

Devi acquistare del materiale elettrico per casa o ufficio? Affidati all'esperienza e alla competenza di Puntoluce. Non solo vendita, ma anche assistenza e consulenza alla scelta migliore per i tuoi ambienti. Dagli elettrodomestici alle serie civili, dall'illuminazione alla videosorveglianza, tutto ciò di cui hai bisogno lo trovi sullo Shop online di Puntoluce!

Visita il nostro negozio

Punto Luce di Melchioni Stefano | Via Porrettana, 294 (non aperto al pubblico ) 40037 Bologna

Azienda iscritta al Registro Ditte presso CCIAA di Bologna al n. 341779 e al Registro Esercenti il Commercio presso CCIAA di Bologna - Partita IVA IT01515541207 C.F. MLCSFN68A14A944Q

Copyright © 2020 - TUTTI I DIRITTI RISERVATI - LE IMMAGINI E I MARCHI APPARTENGONO AI LEGITTIMI PROPRIETARI