Come scegliere un termoconvettore per la nostra casa

Con il freddo dell’inverno molto spesso ci può essere utile avere un apparecchio per riscaldarci che possa essere più comodo, rispetto ai normali supporti. Questo può essere utile in ambienti che tendono a riscaldarsi con molta difficolta, in case poco abitate, oppure in alcuni uffici. Tra i sistemi di riscaldamento più efficaci c’è il termoconvettore elettrico, che può fornire una buona integrazione al riscaldamento normale, è compatto e semplice da spostare, ne esistono di varie tipologie.

Cos’è un termoconvettore

termoconvettore CaldorèInnanzitutto per capire come scegliere il termoconvettore più utile per noi è fondamentale sapere cos’è un termoconvettore. Quando infatti in casa si gela e l’impianto a gas e i termosifoni non bastano, questa apparecchiatura ci viene in aiuto. Il termoconvettore ha infatti lo scopo di integrarsi al riscaldamento quando non da solo non ce la fa, oppure quando bisogna riscaldare un ambiente in maniera veloce. In questo modo è possibile anche evitare eccessivi sprechi di energia, dovuti all’accensione della caldaia.

Per questo motivo pochi minuti di termoconvettore acceso possono aiutarci con la massima semplicità. Il termoconvettore infatti diffonde il calore per convenzione: con questa espressione si intende quel fenomeno per cui l’aria calda sale e prende il posto dell’aria fredda che scende verso il basso e viene aspirata dal termoconvettore stesso. Il termoconvettore è infatti dotato di uno scambiatore di calore che utilizza una serie di tubi lamellari o di resistenze elettriche che aumentano la superficie di scambio dell’aria; questo consente di riscaldare l’aria velocemente in un ambiente, anche molto grande.

Esistono vari tipi di termoconvettore: ci sono infatti i termoconvettori a gas, i termoconvettori ad acqua, ed infine elettrici. Noi in questo articolo parleremo di quelli che più ci interessano, i termoconvettori elettrici. Bisogna inoltre ricordare che esistono anche i termoventilatori, che sono molto simili a questi ultimi, ma si differenziano per una ventola (e potrete trovare in vendita tutti qui).

I termoconvettori elettrici, detti più comunemente radiatori, sono alimentati grazie alla corrente elettrica. Questi infatti non utilizzano un sistema di tubi per espandere il calore, ma una serie di resistenze elettriche. Nel caso dei termoconvettori normali lo scambio di aria avviene in maniera naturale, mentre nel caso dei ventilconvettori, lo scambio avviene in maniera “forzata” attraverso delle ventole.

Perché acquistare un termoconvettore

Avere un termoconvettore in casa permette di riscaldare tutti gli ambienti in maniera omogenea, e diventa particolarmente utile quando gli ambienti sono molto ampi, e si rischia che il riscaldamento non basti, soprattutto perché i tempi diventerebbero più lunghi e sarebbero insostenibili. Il termoconvettore elettrico è inoltre sicuro e non ha bisogno di particolare manutenzione, soprattutto se si decide di optare per termoconvettori portatili. Naturalmente è necessario seguire le norme di sicurezza.

Per quanto riguarda la spesa energetica è necessario ricordare che varia a seconda dell’alimentazione utilizzata, e soprattutto dal tempo in cui resta acceso. Va ricordato infatti che non servono molti minuti per riscaldare velocemente un ambiente e che quindi non è necessario tenerli accesi per molto tempo. Inoltre i nuovi tipi di termoconvettore sono creati per ridurre lo spreco di energia e per il rispetto per l’ambiente.

Il termoconvettore elettrico è facile da inserire in un impianto elettrico, è comodo da portare con se per le varie stanze oppure nella seconda casa, inoltre diversamente dai modelli ad acqua, non si corre il rischio che i liquidi gelino, mentre diversamente dai modelli a gas, non avrà bisogno di particolari manutenzioni.

Come scegliere un termoconvettore

Termoconvettore CaldorèDopo questa sfilza di informazioni sarà possibile capire quale sarà il termoconvettore adatto a noi; bisogna infatti tener conto di moltissimi fattori, dalla grandezza dell’ambiente che andremo a riscaldare, fino a quanto tempo stiamo in un ambiente. La scelta del termoconvettore infatti dipende dalle abitudini: se infatti tendiamo a stare poco in una casa avremo bisogno di un termoconvettore con una funzione antigelo, e che sia sicuro nel tempo; le dimensioni e la potenza poi dipendono dalla grandezza dell’ambiente: se come è ovvio, l’ambiente che andiamo a riscaldare è molto grande ci servirà un apparecchio più potente, viceversa se l’ambiente è piccolo, potrebbe anche bastarci anche uno da poca potenza.

Nel nostro shop è possibile trovare una buona scelta tra termoconvettori e termoventilatori, quello che vi consigliamo e quello il termoconvettore elettrico Caldorè della Vortice: in questo caso si tratta di un prodotto facilissimo da maneggiare e molto leggere, ma altrettanto potente, utilizzabile sia da mobile che da fisso. È dotato inoltre di un termostato ambientale, utile per regolare la potenza e ridurre gli sprechi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *