condensatore

Cos’è un condensatore, come funziona e come viene usato

Chiamato anche capacitore, il condensatore è uno strumento importante per garantire la sicurezza nei circuiti elettrici. Se si cerca un condensatore valido, è il caso di visitare la sezione dedicata dello shop, dove si potranno trovare condensatori di diverse misure, in base alle richieste del proprio elettricista.

Cos’è e come funziona un condensatore? Si tratta di un contenitore di carica elettrica, che può essere liberata in base alle proprie esigenze. Compito del condensatore è mantenere la carica elettrica potenziale per sprigionarla quando serve.

Questo strumento non ha sempre le stesse misure e la stessa capacità elettrica. In base a quello che serve fare, il condensatore può avere misure diverse e capacità differenti, riportate in confezione per scegliere lo strumento giusto.

Cos’è un condensatore

Il capacitore o condensatore è un contenitore con due lastre alle estremità. Queste, chiamate armature del condensatore, hanno una carica positiva e una negativa, come se l’oggetto fosse una batteria. In questo modo, lo strumento è in grado di conservare in un sistema chiuso la carica elettrica. Sfruttando il campo magnetico che si crea, si riesce a mantenere la carica elettrica stabile.

Per capire la capacità di un condensatore, si usa il Farad (F). Le confezioni di condensatori di piccole dimensioni riportano anche il microfarad (µF) e il nanofarad (nF). In alternativa, si può trovare anche l’indicazione di picofarad (pF).

Come funziona il condensatore

Il condensatore funziona in due modi:

  1. Carica energia elettrica;
  2. Rilascia energia elettrica (nel gergo si dice “scarica”).

La carica elettrica passa per una delle due lastre, finché non la elettrifica completamente. A questo punto, gli ioni negativi passeranno all’altra lastra opposta, fino alla capacità elettrica massima del condensatore. Si completa così la fase di carica.

Nella fase di “scarica”, la carica elettrica passa a un terminale. Questo passaggio comporta una scarica molto violenta dell’energia immagazzinata.

Come usarlo

In base al tipo, il condensatore viene usato per regolare la carica elettrica all’interno dei circuiti elettrici.

  • In poliestere è ideale per circuiti con voltaggio inferiore ai 1000 V;
  • In vetro è consigliato per una maggiore stabilità;
  • In polistirene è quello più piccolo, ideale per piccoli lavori in circuiti chiusi;
  • In politetrafluoroetilene si trova quello più potente, quindi più costoso.

Oltre a questi, ci sono i modelli elettrolici:

  • In alluminio. Sono compatti e a polarità invertita;
  • In tantalio. Sono affidabili se non si supera la carica consigliata;
  • A doppio strato. Sono quelli che si trovano nei dispositivi elettronici;
  • Aerogel. Sono a maggior capacità e sono usati nei circuiti di grandi dimensioni.

Se non si sa come usare il condensatore e quali sono le caratteristiche necessarie, è bene contattare un elettricista, che sappia quale strumento usare per far funzionare bene l’impianto elettrico. Tra i diversi modelli nello shop, ci sarà quello adatto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *