cancello-automatico-scorrevole-o-battente

Come scegliere tra un cancello automatico scorrevole o a battente

Quale scegliere tra un cancello automatico scorrevole o a battente? Ecco quali sono le differenze per scoprire quello giusto per la propria casa? Per i materiali, invece, c’è lo shop a disposizione!

Cos’è un cancello automatico scorrevole

Entrambi i tipi funzionano a motore. Nel caso del sistema scorrevole, però, la saracinesca si avvolge verso l’alto, per creare un passaggio utile, per esempio, per portare l’auto all’interno di un garage.

In questo modo, il cancello non occupa troppo spazio ed è facile fare la manutenzione ordinaria. In più, se in passato era necessario azionare un bottone o usare un telecomando, oggi i sistemi moderni hanno un sensore di movimento.

Così, il sistema “sente” che sta arrivando un mezzo e si apre, senza alcun intervento. Naturalmente, ci sono dei sistemi in modo che un malintenzionato non possa entrare in casa usando l’apertura del cancello!

In caso di black out, c’è un impianto di emergenza a batteria, che permette l’apertura anche in assenza di corrente elettrica. In ogni caso, il sistema scorrevole è ideale per aprire il cancello solo quando serve, quindi poche volte al giorno. Diventa quindi una soluzione semplice e sicura per l’uso domestico.

Caratteristiche di un cancello automatico a battente

Il sistema a battente, invece, prevede che il cancello si apra in due ante. Sempre a motore, può essere a pistone idrico o con sistema elettrico. Nel primo caso, il movimento dell’acqua all’interno consente di aprire cancelli anche di importanti dimensioni.

Nel secondo caso, invece, si tratta di una struttura più semplice, che si usa per i condomini, oppure per le piccole imprese. Visto, però, che il cancello si apre spesso, questa struttura conviene di più rispetto a un modello scorrevole.

In ogni caso, è bene lasciare spazio tra l’auto e il cancello, anche se le ante possono aprirsi all’interno. La manutenzione qui deve essere periodica e sarà necessario contattare un esperto, che sappia come agire sul motore.

Anche qui, ci saranno sistemi di sicurezza adeguati per evitare le intrusioni da parte di terzi non autorizzati.

Come scegliere

La scelta, quindi, diventa molto semplice da fare. Se si tratta solo di aprire il garage per parcheggiare l’auto e metterla al sicuro subito dopo, il cancello scorrevole è sicuramente la soluzione migliore.

Dove, invece, è importante che il cancello resista e il motore faccia il suo dovere, con anche più di 100 aperture al giorno (per esempio, per furgoni per il transito di merci), allora conviene utilizzare un modello a battente.

Per fortuna, le soluzioni automatizzate sono davvero tantissime. Per questo, il consiglio è di fare una scelta consapevole basandosi sugli spazi a disposizione. Questo può essere il criterio migliore per far progettare al meglio una struttura destinata a durare nel tempo, al netto delle manutenzioni ordinarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *