Menu Principale
TwitterFacebook
Menu Categorie

Pubblicato da il 10 Feb 2015 in Guide, Ultime notizie | 0 commenti

I relè, tutto quello che c’è da sapere

I relè, tutto quello che c’è da sapere

Share Button

Quando diventa necessario collegare un interruttore ad un circuito di corrente piuttosto grande, oppure si volesse utilizzare un sistema alternativo per accendere o spegnere un punto luce, può rivelarsi utile utilizzare un relè. Questo è un sistema tradizionale ed esiste di diverse tipologie, a seconda delle esigenze.

Come funziona un relè

Un relè è un interruttore elettrico che grazie ad un impulso elettrico chiude oppure apre un circuito: questo dispositivo funziona grazie alle variazioni di corrente che influiscono sul meccanismo di un altro circuito. Il relè non interrompe quindi il flusso di corrente, ma lo devia. Il relè è formato da tre parti: la bobina, l’ancora (o la ruota dentata nei relè passo-passo) e il contatto elettrico.

All’interno dei relè, il ruolo degli interruttori lo svolgono i contatti, che saranno fissi e mobili; questi saranno azionati grazie alla bobina che genererà un campo elettromagnetico che sposterà l’ancora. Quando la bobina sarà a riposo, il contatto mobile resta fermo; viceversa quando la bobina sarà attivato il contatto mobile si collegherà al fisso. È necessario ricordare che esistono relè anche a più contatti, e che hanno diverse modalità di funzionamento.

Interruttori per la luce, il relè passo-passo

relèNon tutti sanno che gli interruttori che solitamente utilizziamo per accendere e spegnere le luci di casa quando si utilizzano più punti di controllo per un punto luce, sono dei relè passo-passo. È uno dei dispositivi di invenzione più vecchia, ed ha un funzionamento piuttosto semplice: la bobina è avvolta intorno al rame e ha la funzione di far girare una ruota dentata di uno scatto; la ruota dentata è collegata al contatto.

Ogni volta che si preme l’interruttore collegato al relè, si manderà un impulso alla bobina che farà fare un piccolo movimento alla ruota; questa potrà trovarsi in una posizione che potrà aprire il contatto oppure chiuderlo.

Solitamente questo sistema si utilizza quando ad un punto luce sono collegati più interruttori, in modo da comandare l’accensione e lo spegnimento attraverso il relè, che potrà essere attivato da un punto di controllo, ma essere disattivato anche da un altro. Sullo shop di Punto Luce è possibile trovare un buona proposta di relè passo-passo.

Altri tipi di relè

Il più simile al relè passo-passo è il relè ciclico, ed è anche esso molto presente nelle case, ma funziona con una coppia di contatti in più: questo tipo di sistema è utilizzato quando si vuole accendere più di una lampada, anche se non contemporaneamente. In questo caso, le opzioni di accensione sono diverse (una lampada accesa, l’altra spenta; una lampada spenta, l’altra accesa, etc…) e vanno selezionate passando in tutte le posizioni.

Ci sono poi i relè temporizzati, che si eccitano in ritardo rispetto al momento dell’impulso, o viceversa che si diseccitano gradualmente all’interruzione dell’impulso. Erano usati soprattutto per illuminare ambienti per poco tempo (corridoi, scale, etc…). Si possono trovare alcuni temporizzatori nella sezione per il materiale per quadri elettrici, nel nostro shop.

Esistono inoltre anche relè con dimmer (in italiano varialuce) utile soprattutto per le lampade che permettono di regolare l’intensità della luce. Questo tipo di relè infatti si attiva e si disattiva normalmente, ma è regolabile attraverso la pressione prolungata dell’interruttore, oppure attraverso una manopola. Cliccando qui potrete trovare i diversi tipi di relè.

Commenti