lampadina-su-tavolo

Attacchi delle lampadine, una guida

Sostituire una lampadina è un’azione alla portata di tutti e che non ha nulla di complicato ma, ti sei mai trovato di fronte ad un catalogo completo, magari online, e hai mai dovuto scorrere le descrizioni delle varie lampade?

Oggi la scelta di questi componenti è veramente molto ampia e non importa se hai bisogno di una lampadina alogena, fluorescente o a led, c’è una caratteristica che più di altre crea sempre confusione in un cliente che deve scegliere. Stiamo parlando degli attacchi delle lampadine.

Come conoscere le sigle degli attacchi di una lampadina

Soprattutto quando devi acquistare una lampadina online (spesso i cataloghi sono ancora più ampi) e, ti trovi di fronte a sigle come E13, G9, R7S, GU10 o altri codici alfanumerici che sembrano una lingua straniera, è facile essere disorientati. Ed è proprio perché si tratta di sigle poco comprensibili che abbiamo deciso di scrivere questa guida, dove vogliamo fare un po’ di chiarezza passando in rassegna gli attacchi più comuni.

E14 ed E27 sono gli attacchi più diffusi

Innanzitutto è importante distinguere che le lampade più diffuse hanno tutte un attacco E14 oppure E27. Questa sigla sta ad indicare che l’attacco “a vite” e l’unica differenza fra le 2 sigle riguarda la grandezza del diametro che è espressa in millimetri. In particolare l’attacco E14 ha un diametro di 14 mm, mente l’attacco E27 ha un diametro di 27 mm.e14-e27

La situazione si fa leggermente più complicata se consideriamo anche faretti, abatjour e altri tipi di lampade, in questo caso gli attacchi sono decisamente più numerosi.

Gli attacchi di faretti, abatjour e altri tipi di lampade

Molto diffuso è per esempio l’attacco GU10 e consiste in 2 connettori a forma di chiodo che si trovano nella parte finale della lampada. L’inserimento di queste lampade è molto comodo visto che basta inserire i connettori nei fori e, ruotare di mezzo giro con la mano per fissare la lampadina al sostegno.

gu10-disegno

Diversi sono invece gli attacchi G9 e G4/GU4. Si tratta di 2 attacchi molto simili fra loro e che vengono usati soprattutto per lampadine molto piccole (alogene, incandescenti o a led smd). Sono costituiti da 2 piccoli pin che basta sfilare o inserire con la pressione delle dita. Unica differenza? La grandezza dei pin che sono più piccoli negli attacchi G4/GU4.g9g4

Ancora diversi sono gli attacchi R7S che sono utilizzati soprattutto nei faretti più grandi. Per intenderci hai presente quei fari di metallo usati per illuminare i campi di calcio? Bene, se provi ad aprire uno dei faretti all’interno dovresti trovare una lampadine con attacco R7S, che è comporto da 2 connettori posti alle estremità. Per inserire queste lampadine è sufficiente una semplice pressione delle dita.r7s

Infine, l’ultimo tipo di attacco è quello chiamato G53 (o anche AR111) e viene usato principalmente per fari di media grandezza. Di solito questo attacco si trova su lampade multi led, e sono costituiti da 2 lamelle poste ad una distanza di 53 millimetri l’una dall’altra.

g53

A questo punto anche se dovessi trovarti di fronte ad un listino molto ricco, come ad esempio la sezione del nostro shop dedicata alle lampadine, dovresti avere le idee più chiare e sarà per te più facile individuare ciò di cui hai bisogno. Sul nostro sito potrete trovare molti cataloghi dei maggiori marchi, tra i quali quelli di Duralamp.

In particolare, se prima davanti alla descrizione di una lampadina potevi trovarti in difficoltà, ora questi codici fatti di lettere e numeri non sono più un segreto. Almeno per la maggior parte degli attacchi disponibili sul mercato. In ogni caso, se hai ancora dei dubbi ti consigliamo comunque di guardare la scatola della tua vecchia lampada, dovrebbe essere segnato l’attacco di cui hai bisogno, a prescindere dal modello di cui stiamo parlando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *