Misuratore di potenza e consumo elettrico: Techly

Qual è il rapporto tra misuratore di potenza e consumo elettrico? Ecco cosa c’è da sapere su questo prodotto, a cosa serve, una recensione sui migliori e dove trovarli.

Cos’è e a cosa serve

Il misuratore di potenza e consumo elettrico è un piccolo sistema per capire quanto si consuma in una casa come elettricità. In più, installato su un elettrodomestico, indica esattamente quanto consuma e di quanta potenza ha bisogno, senza guardare alla documentazione di fabbrica.

Ci sono anche strumenti che, oltre a mostrare i dati, li salvano. In questo modo, si può fare un confronto mese per mese su quanto si spende e come. In base al modello, ci sono sistemi che agiscono in modalità wireless e strumenti che, invece, vanno appoggiati sulla fonte di consumo.

In ogni caso, gli ultimi modelli hanno una precisione maggiore e non hanno bisogno di particolare manutenzione per funzionare a dovere.

Recensione al Techly Misuratore di potenza e consumo elettrico

Il misuratore di Techly è un buon prodotto, che offre una serie di informazioni senza essere dei programmatori informatici. Tutto si basa su due batterie a bottone LR44, non incluse nella confezione, ma facili da reperire.

Per usarlo, basta accenderlo, posizionarlo dove serve e lasciar fare tutto ai sensori. Ci sono solo 4 pulsanti da usare per le impostazioni principali.

Una volta utilizzato, sullo schermo LCD compariranno:

  • Potenza in Watt;
  • Tensione in Volt;
  • Corrente in Ampere;
  • Frequenza in Hertz;
  • Fattore di potenza.

In questo modo, si riesce a ottenere una stima immediata dei consumi e si potranno fare due stime. La prima è quella sui consumi energetici di tutta la casa. La seconda, invece, si potrà fare su quegli elettrodomestici che consumano di più, per capire quali usare meno e risparmiare.

Il prodotto è consigliato per la sua semplicità, ma anche per la precisione e per la possibilità di visualizzare più parametri per il consumo della corrente elettrica. In più, visto che usa le batterie, non incide sui consumi.

Techly: notizie sull’azienda

Techly è una realtà italiana molto giovane. Di proprietà della Intracom Italia S.P.A., l’azienda ha sviluppato una rete di vendita soprattutto online, dove presenta i cataloghi e fornisce assistenza clienti tramite operatore.

Gli operatori sono dei veri e propri esperti informatici, che possono seguire con precisione le esigenze dei clienti sui vari prodotti. La società, infatti, si occupa di: accessori /per PC, smartphone e tablet), cavi e adattatori, strumenti video/audio, router, staffe e persino armadi, sedie e scrivanie per l’ufficio.

La società ha punti vendita anche in tutta Italia. Quindi, scegliendo il misuratore di potenza e consumo elettrico di questa società da noi, si ha la certezza di un servizio di assistenza affidabile, accanto a un prodotto di buona qualità e dal prezzo in linea con le funzioni dell’apparecchio.

Cronotermostato TH/450 GSM

Cronotermostato TH/450 GSM: caratteristiche, resa e notizie sull’azienda per questo termostato per la casa disponibile direttamente sul nostro shop.

Caratteristiche e resa

Il Cronotermostato TH/450 GSM è un concentrato di tecnologia e praticità. Con uno spessore di 19 millimetri e due colori intercambiabili (bianco/azzurro), questo piccolo elettrodomestico è in grado di far gestire da remoto la temperatura della propria casa.

Ideale per chi utilizza caldaie e vuole risparmiare in bolletta, questo prodotto consente di gestire fino a tre livelli di temperatura. In questo modo, si può scegliere quando accendere o spegnere l’impianto, oltre ad anticipare/posticipare accensione e spegnimento.

La caratteristica migliore di questo prodotto è che è completamente autonomo. Infatti, se non è più disponibile l’alimentazione dall’impianto elettrico principale, c’è un supporto a batteria. Si tratta di tre batterie ministilo ricaricabili, che si possono trovare tranquillamente in commercio.

Questa caratteristica consente di non perdere le impostazioni anche se ci sono blackout. Infine, molto interessante è il supporto delle app. Tramite queste, è possibile gestire la temperatura all’interno dell’abitazione anche da remoto.

Le app sono disponibili sia per sistemi iOS che per Android. Quindi, tutto è davvero a portata di touch. Naturalmente, il Cronotermostato TH/450 GSM si può utilizzare direttamente, grazie ai pulsanti ai lati e al display retroilluminato.

In più, il prodotto è garantito da una grande azienda italiana, come la BPT.

Quindi, ci si può sentire al sicuro, perché si tratta di un prodotto garantito e frutto di severi controlli già al momento della realizzazione.

BPT: storia dell’azienda

Il nome BTP sta per “Brevetti Plozner Torino”. L’azienda è, infatti, italiana e nasce nel 1953. Già dai primi anni di attività partono i primi brevetti (1953 e 1968). A questa azienda si deve anche il primo cronotermostato, datato 1983.

Il primo termostato non si poteva gestire da remoto, ma si poteva impostare in un certo modo. Così, la temperatura sarebbe cambiata in base a orari e condizioni esterne. Dello stesso anno è anche il primo videocitofono brevettato da BPT.

Nel 2000 inizia l’attività nella domotica. Oggi, l’azienda appartiene al gruppo CAME, che ha permesso a BPT di espandersi in ben 50 Paesi, garantendo sempre la qualità e l’affidabilità dei propri prodotti.

In particolare, la società si occupa di:

  • Cronotermostati;
  • Citofoni/Videocitofoni;
  • Domotica;
  • Illuminazione a Led;
  • Impianti di sicurezza domestici.

Il Cronotermostato TH/450 GSM è, alla prova sul campo, un cronotermostato semplice da utilizzare, sia da remoto che sul posto. Oltre a orari e livelli di temperatura, le impostazioni sono personalizzabili senza troppa fatica e con percorsi guidati per l’utente non troppo lunghi.

Infine, il servizio di assistenza clienti di BPT e le certificazioni di qualità fanno sì che il prodotto si possa considerare affidabile e l’ideale per chi vuole installare uno strumento pratico per gestire al meglio i consumi in casa.

simboli-impianto-elettrico

Simboli impianto elettrico, quali sono e come leggerli

Quando si scelgono i componenti per gli impianti, si trovano diversi simboli impianto elettrico. Tra lettere, numeri e sigle è difficile orientarsi. Cosa significano questi elementi e come fare per leggerli? In questa guida si trovano i simboli più frequenti con il loro significato. Per trovare la soluzione giusta per il proprio impianto elettrico, si può dare un’occhiata alle offerte dello shop.

Perché si usano i simboli?

Perché si usano i simboli impianto elettrico? Per tre motivi:

  1. Non ci sarebbe spazio per mettere tutte le normative e le indicazioni. Con il simbolo, si riduce lo spazio e si rende tutto agevole in qualsiasi confezione.
  2. I simboli sono convenzioni per moltissimi Paesi. Quindi, quando si vende un prodotto in diversi Paesi, diventa più semplice far capire come usarlo e quali sono le normative rispettate.
  3. Ogni simbolo non rappresenta solo avvertenze, ma anche i controlli effettuati. L’esempio più semplice è la ISO 9001, che si può ottenere solo se si fanno delle verifiche periodiche.

Quindi, quando si sceglie un prodotto elettrico per un impianto, è importante non solo verificare che i simboli ci siano, ma anche cosa significano. In più, si deve ricordare che negli Stati Uniti i simboli sono diversi dai nostri, perché si segue un codice di norme diverso.

I simboli più usati e cosa significano

Qui di seguito si trovano i simboli impianto elettrico che si usano nei progetti:

simboli impianto elettrico

Lettere e sigle

Ci sono poi, lettere, numeri e simboli che consentono di capire se il prodotto elettrico è sicuro o meno. Ecco quali sono:

  • Unità di misura: V (= Volt), A (= Ampere), W (= Watt), VA (= Volt Ampere), Var (= potenza reattiva, usato nei dispositivi domotici), ?V (= differenza di potenziale), C (= Coulomb), °C (= Celsius), Ah (= Ampere/ora), atm (= atmosfera), CV (= cavallo vapore), emu (= unità elettromagnetiche), F (= Farad), °F (= grado Fahrenheit), J (= Joule), Hz (Jertz), lm (= Lumen), kWh(= Chilowattora).
  • Lettera: r (= resistenza elettrica), T (= tensione), U (= energia potenziale), A (= Assemblaggi), B (= Trasduttori), C (= Condensatori), D (= Sistemi binari), E (= presenza di più materiali), F (= Dispositivi di protezione), G (= Generatori),  H (= Dispositivi di segnalazione), K (= Relè e contattori), L (= bobine), N (= Sistemi analogici), P (= Strumenti di misura), Q (= Apparecchi per circuiti di potenza), T (= Apparecchi per circuiti di comando), V (= Tubi elettronici e semiconduttori), W (= Materiale di trasmissione), X (= Terminali).
  • Sigle. Le sigle sono di solito riferite a delle normative specifiche. Per esempio, la CEI-64 e la ISO 9001.

Gli altri simboli

Ci sono tantissimi simboli quando si parla di impianti elettrici, ma con questi si può leggere un impianto elettrico, le sue caratteristiche e se i dispositivi elettrici sono davvero sicuri per la propria casa e per gli impianti industriali.

Ora, quando c’è un simbolo, si saprà come leggerlo sulle confezioni e sulle schede tecniche! Se si cercano prodotti sicuri, il nostro negozio online è a disposizione!

Illuminazione originale? Ecco un’idea!

Cercare un’illuminazione originale quando si ha un arredamento realizzato con gusto o solo per creare la giusta atmosfera quando arrivano gli amici a casa per un aperitivo, è un’esigenza per tantissime famiglie. Ecco, allora, un’idea innovativa che potrai trovare direttamente nel nostro shop!

Cos’è?

Per trovare l’illuminazione originale per ogni occasione, spesso basta ripensare al passato in chiave moderna. Questo succede con questa lampada, che esteticamente è come una bombola a gas, ma con diverse novità che la rendono non pericolosa e assolutamente unica nel suo genere in termini di design.

In passato, le bombole utilizzavano il metano pesante, comunemente “il gas” per cucinare e per accendere il fuoco, oppure per scaldarsi. Oggi, questo metodo è caduto in disuso, per una serie di motivi.

Il primo è che non si sapeva dove mettere questa bombola e di solito si “sprecava” lo spazio di un mobile per questo motivo. Poi, era ovviamente pericoloso.

Oggi, invece, si utilizza il gas che viene trasportato con condutture pubbliche, per gestire tutto in maniera più sicura.

Da quelle bombole grazie ad alcuni artigiani sono nate lampade di arredo. Uguali in ogni loro parte la bombola è stata traforate per consenterne il passaggio della luce. All’interno è possibile aloggiare una lampada a led per illuminare angoli o ambienti creando una magnifica atmosfera.

La lampadina può essere di varie forme compreso i medelli a led di tipo retrò. La dimensione di questa ” bombola ” permettono di inserirla dove si vuole, ottenendo migliori condizioni di luce e una splendida atmosfera.

Perché usarla?

L’illuminazione originale convince per diversi vantaggi:

  1. Utilizza la corrente elettrica, va solo alimentata quando si usa ottimizzando il consumo tramite una lampada a led.
  2. Ha un design stupendo, con un colore rosso simile al corallo, facile da abbinare in qualsiasi contesto.
  3. Si può mettere ovunque, anche dove si penserebbe non ci sia spazio (per esempio, in un angolo).
  4. Illumina “a modo suo”, in maniera originale e unica. Infatti, grazie alla struttura “a buchi”, riesce a illuminare una stanza intera, creando l’atmosfera giusta in salotto o in soggiorno, dove la lampada offre il meglio di sé.

Alcune attenzioni

La lampada è sicura e non contiene alcun gas, e può essere utilizzata anche come oggetto di design.

Utilizzabile all’interno ma anche all’esterno senza connetterla all’impianto elettrico.

Conclusione

Un’illuminazione originale e a tratti retrò, la lampada GPL rossa è la migliore scelta per chi ama stupire gli amici con un oggetto davvero unico.