Archivi tag: cancelli

cancello-automatico

Come automatizzare un cancello

Aprire un pesante cancello con un semplice clic: una bella comodità, vero? Automatizzare un cancello, poi, è tutt’altro che difficile: basta avere il giusto kit e seguire i consigli che vi daremo in questo post, in cui scopriremo come automatizzare un cancello scorrevole e un cancello a battente e daremo un’occhiata alla normativa in materia.

Automatizzare un cancello scorrevole: come fare

bft-scorrevoleI cancelli scorrevoli, quelli grazie alle ruote che scorrono un binario da sinistra verso destra (o viceversa), hanno bisogno di un kit apposito e di una cremagliera per poter essere automatizzati. I kit solitamente contengono un motore elettromeccanico, la centralina, le fotocellule, il telecomando, un selettore e una luce lampeggiante per indicare che il cancello è in movimento.

Esistono kit per i cancelli scorrevoli fino a 350 kg e kit per cancelli di peso superiore: solitamente, però, i cancelli scorrevoli non superano i 350 kg. Bisogna scegliere con attenzione il kit e installarlo correttamente per avere un cancello automatizzato ben funzionante e sicuro: un professionista del settore può aiutarvi a valutare la struttura del cancello e indicarvi il prodotto più adatto.
L’installazione è abbastanza semplice: basta seguire le istruzioni per non avere problemi. Anche in questo caso, un elettricista può aiutarvi a fare i collegamenti elettrici se non siete pratici in materia.

Ovviamente, accanto ai kit, è possibile acquistare i componenti pezzo per pezzo.

Cancello a battente: come automatizzarlo

faac-battentePer il cancello a battente, quello più comune in case e villette, possiamo usare un kit elettromeccanico o idraulico (oppure scegliere i singoli componenti): se il cancello pesa meno di 350/400 kg, può andar bene anche un kit a pistoni elettromeccanici, in caso contrario meglio optare per uno a funzionamento idraulico, più robusti e adatti a reggere un peso maggiore.
È possibile inoltre scegliere fra bracci singoli, bracci laterali e interrati: quest’ultimi sono più cari rispetto agli altri due anche perché per l’installazione sono necessari lavori murari e scavi.

Il kit deve avere un motore che non spinga oltre i 20 kg se non si vogliono mettere ulteriori dispositivi per la sicurezza (ad esempio, per evitare che una persona rimanga schiacciata fra anta e muro).  La scheda di comando, installata in un posto riparato, deve essere collegata ai tubi corrugati dell’impianto elettrico (posti in un pozzetto), i quali vanno a loro volta collegati a fotocellule, lampeggiatori e chiavi.

I kit e i singoli componenti per automatizzare ogni tipo di cancello li trovate nel nostro store.

Attenzione alla normativa

Esistono precise norme riguardo all’installazione di cancelli automatici: le EN 12453, la EN 12445 e il DPR N. 459 del 24 luglio 1996, che ha reso obbligatoria la Direttiva Macchine 89/392 CEE. È importante  che un esperto verifichi scrupolosamente la misurazione della forze (peso, dispositivi di sicurezza, velocità, attrito, etc.) e si occupi della manutenzione dell’impianto di automazione. In alcuni casi, è previsto che il cancello sia dotato di arresto di emergenza; anche il lampeggiante, pur non obbligatorio, è caldamente consigliato.

Infine, accertiamo che ogni prodotto che compriamo sia dotato della marcatura CE.

Automazione per cancelli: alcuni prodotti FAAC

Faac è un marchio che da cinquant’anni si occupa di automazione per i cancelli. Dal 1965 ad oggi, l’azienda di Bologna, ora di proprietà dell’Arcidiocesi di Bologna, ha depositato ben 42 brevetti, tanto da trasformarsi nel simbolo dei cancelli automatici in Italia (e non solo: è una multinazionale). In questo post vi parleremo di alcuni dei prodotti più interessanti della Faac, che potete trovare anche nel nostro store.

Leader Kit Green 230V a battente oleodinamica

Il vantaggio principale di questo dispositivo d’automazione per cancelli battenti è lo spazio minimo di cui ha bisogno.
La tecnologia che lo anima è l’oleodinamica: il dispositivo si mette in moto attraverso olio in pressione.
Il rivestimento anticorrosione lo protegge da pioggia, grandine e altri fenomeni atmosferici. Corredato dei giusti accessori, questo kit può diventare a basso impatto
ambientale.
Si può installare in cancelli con un anta di massimo 1,8 metri. Il kit è completo: basta montarlo seguendo le istruzioni per automatizzare il proprio cancello.

Handy Kit a battente elettromeccanica

Questo kit si installa in cancelli con anta di massimo 2,3 m. A differenza del Leader Kit Green, funziona con tecnologia elettromeccanica ed è un po’ più economico.
Il kit, studiato per l’uso residenziale, contiene due attuatori, un’apparecchiatura elettronica, un modulo di frequenza, un lampeggiatore, una coppia di fotocellule, un pulsante a chiave, una trasmittente e anche un cartello “automatico Faac”.

Pratico Kit per cancelli scorrevoli a bagno d’olio

Questo kit è l’ideale per l’uso frequente di cancelli scorrevoli dal peso massimo di 600 kg. Nel kit, completo di tutto come gli altri due prodotti, si trovano un motoriduttore, una piastra di fondazione, un lampeggiatore, una coppia di fotocellule, un pulsante a chiave, una ricevente a scheda, una trasmittente e il cartello “automatico Faac”.

Esiste inoltre un kit Rack 400 con 12 elementi in nylon rinforzato e staffe di fissaggio per cancelli dal peso massimo di 400 kg.
La tecnologia a bagno d’olio ne fa un kit adatto a chi apre e chiude spesso il cancello.

Delta Kit ad automazione elettromeccanica

Creato per l’uso residenziale, il Delta Kit è un prodotto a tecnologia elettromeccanica per cancelli dal peso massimo di 500 kg. Come tutti gli altri kit, la confezione è completa di tutto e pronta per l’uso.
Delta kit sfrutta la tecnologia elettromeccanica.

Power Kit – Automazione elettromeccanica interrata

Questo kit studiato per l’uso residenziale è adatto per cancelli a battente dal peso massimo di 500 kg e con un anta dalla larghezza massima di  3,5 metri. I kit, in realtà, sono due: il Power Kit 230 V e il Power Kit Vdc (cioè a tensione continua).

Trasmittenti bicanale e quadricanale

I trasmittenti bicanale sono di due tipi: il TM2 433 DS e il TML2 433SLR, quest’ultimo con pulsanti arancioni multiforma.

Anche il TML 4 433SLR, il modello quadricanale, ha i tasti arancioni multiforma e garantisce prestazioni migliori grazie alle quattro frequenze di cui è dotato.

Fotocellule da incasso Fotoswitch

Infine, le precise fotocellule da incasso Fotoswitch di Faac dalla portata nominale di ben 30m e tempo di rilevamento di ostacoli di 7 millisecondi, garantito contro la penetrazione di oggetti solidi più grandi di un millimetro (IP44). Funzionano con temperature dai -20° ai +55° (praticamente ovunque!) e si possono installare anche su colonnetta.

Se nel caso foste interessati ad altri modelli e marchi potete dare uno sguardo nella nostra sezione per automatismi per cancelli e accessori.