Archivio mensile:Novembre 2017

humax

Ricevitore satellitare Tivù SAT HD di Humax, ecco le caratteristiche

Con l’introduzione della banda larga e dei vari servizi di streaming, il mondo della televisione va sempre più ad evolversi. Con esso si evolvono gli apparecchi per la ricezione del segnale che oggi vivono una vera e propria rivoluzione, come testimonia il Tivù SAT HD.

Cenni storici sull’azienda

Nonostante sia un marchio particolarmente giovane, la Humax è uno dei leader mondiali indiscussi nel campo dell’elettronica e degli apparecchi per la televisione. Fondata nel 1989 in Corea del Sud, nel giro di poco meno di 10 anni, l’azienda era già famosa in tutto il mondo ed esportava i propri prodotti già in praticamente tutti i continenti.

Nel 2002 la Humax è stata premiata con un riconoscimento per l’esportazione internazionale, prova che la strada su cui si sta muovendo il brand è quella giusta.

L’evoluzione della televisione

L’arrivo di internet nelle nostre vite ha rivoluzionato per sempre il mondo. Notizie in tempo reale, condivisione in pochissimi secondi di file delle più disparate dimensioni, piattaforme virtuali di streaming video dove poter vedere on demand qualsiasi cosa si voglia sono solo alcune delle incredibili caratteristiche del web.

Ovviamente, quest’ondata di novità non poteva non colpire un apparecchio elettronico classico come la televisione: infatti, sono nate le smart tv che riescono a navigare in rete ed utilizzare alcune applicazioni quasi come se la tv fosse diventata un pc.

I servizi on demand

Tutti noi conosciamo i vari servizi di noleggio film che spopolavano negli anni passati. Questi servizi, però, sono stati scalzati nel corso degli anni dai servizi in streaming.

Il più famoso che viene in mente è Netflix colosso americano che ha talmente un positivo nel bilancio che riesce a produrre in maniera indipendente serie televisive e film. Nel nostro paese, in contemporanea a Netflix, è arrivato Infinity, di proprietà del marchio Mediaset, che possiede una vasta scelta di programmi in streaming e film da vedere quando e dove si vuole.

Il Tivù SAT HD

Quando si dice “dove si vuole”, si intende veramente ovunque: dal proprio cellulare, passando per il computer arrivando alla propria televisione. Ma se non si possiede una smart tv, come si fa a poter usufruire di internet e dei programmi in streaming? La soluzione è proprio il Tivù SAT HD: collegandolo alla tv e contemporaneamente alla linea internet di casa sarà infatti possibile la riproduzione su qualsiasi televisore dei programmi offerti dai siti di streaming come quelli già citati di Infinity.

Non solo: il decoder permette di poter registrare i nostri programmi preferiti sulle reti via cavo e bloccarne la riproduzione in qualsiasi momento, senza perdercene neanche un secondo. La Humax ha proprio fatto centro con questo prodotto, che ha sicuramente rivoluzionato il mercato dei decoder.

Come abbellire il tuo balcone con le luci di natale

Quello del Natale è uno dei periodi più belli dell’anno: luci, colori, profumi invadono le strade di tutte le città e ogni casa si addobba a festa per l’occasione. Ecco una lista di quelli che sono i migliori addobbi “di luce” per il balcone di casa propria.

Le luci a risparmio energetico

Uno degli ultimi ritrovati di questi anni sono sicuramente le luci di Natale a energia solare: non solo sono molto pratiche, visto che grazie ad un sensore si spengono e accendono quando il sole sorge e tramonta, ma sono anche molto versatili, essendo formate da un filo di rame che si può snodare e modellare a nostro piacimento. Grazie alla carica “green” queste bellissime luci non solo renderanno il nostro balcone unico, ma faranno abbassare in maniera notevole le spese per la corrente elettrica.

Le luci a cascata

Un’altra soluzione molto utilizzata e visivamente spettacolare sono le luci a cascata: queste, installate sul balcone, scenderanno verso il basso creando, appunto, un voluminoso e luminoso effetto a cascata. Si possono trovare in moltissime colorazioni diverse, da scegliere in base al nostro gusto. Non temete per la loro incolumità in caso di maltempo: questo tipo di decorazione è studiato per essere impermeabile e per resistere anche al più tremendo dei temporali.

Le luci di “ghiaccio”

Effetto simile a quello a cascata è quello prodotto dalle cosiddette “luci di ghiaccio”: sfruttando la luce di colore freddo, queste sembrano delle vere e proprie stalattiti che pendono dai balconi, creando un gioco di luci meraviglioso. Sono disponibili in varie lunghezze e misure e possono essere utilizzate per decorare l’interno della propria abitazione, oltre che l’esterno.

Un ritorno al classico…

Per poter fare una bella figura in fatto di decorazioni non bisogna necessariamente affidarsi a espediente troppo articolati o originali: basta decorare il balcone in modo semplice e tradizionale, con i giusti colori e il risultato è garantito. Un’idea che guarda alle “vecchie maniere” è quella di addobbare il balcone con delle ghirlande a cui poi attaccare delle palline di vario colore e alcune luci semplici per illuminare il tutto: idea molto semplice, certo, ma il risultato visivo è molto piacevole.

…E uno sguardo al presente

Oltre che alle luci, al giorno d’oggi va molto di moda applicare dei simpatici pupazzi al balcone per abbellirlo: si passa dal più classico dei Babbo Natale appeso alla ringhiera in procinto di scavalcare per entrare in casa e portare i doni, ad un pupazzo di neve sorridente che, se azionato, inizia a diffondere musica natalizia. Non c’è limite alla fantasia, scatenatela e addobbate il balcone di casa vostra come più vi aggrada.

prese-scomparsa

Prese elettriche a scomparsa, consigliate per cosa

Stanno rivoluzionando il mercato e sono sempre più scelte per i nuovi impianti elettrici domestici: stiamo parlando delle prese a scomparsa, comodissime e dai mille vantaggi. Scopriamoli tutti insieme, analizzando i vari modelli presenti sul mercato.

Cosa sono le prese elettriche a scomparsa

Come il nome potrà facilmente far intuire, questa tipologia di presa elettrica viene incassata nel muro per poi “scomparire” dietro ad un piccolo scomparto: si tratta di un tipo di presa utilizzato soprattutto per quelle spine situate in posti scomodi (come dietro i mobili) o in luoghi in cui sono dei bambini di pochi mesi o anni, visto che grazie al sistema delle prese a scomparsa sarà praticamente impossibile per i pargoli tentare di infilare le dita nelle spine, prendendo la scossa. Sono utili anche per evitare che gli animali domestici possano infilarci le zampe o mordere le prese, rompendole.

La tipologia classica

La classica presa elettrica a scomparsa consta di una placca da incassare nel muro in cui vi è una piccola rientranza (coperta da uno sportellino trasparente o in plastica, ovviamente rimuovibile con la dovuta pressione) in cui è situata la presa vera e propria. Ne esistono di diversi colori e dimensioni, tutte da adattare all’arredamento della nostra casa. In questo modello lo sportellino copre unicamente la parte in cui è allocata la spina e non l’intera placca.

La tipologia “invisibile”

Altro tipo molto utilizzato è quello detto “invisibile”: si tratta di una spina sostanzialmente uguale alla classica, ma che ha uno sportellino che copre l’interezza della placca salvo uno spazio per lasciar passare i cavi ad essa collegata. Sono molto utilizzate soprattutto per i cavi delle televisioni (come le antenne) o per quelle prese destinate a stare dietro a comodini o mobili scomodi da spostare. Anche in questo caso, sono consigliate per proteggere i bambini dai rischi di scossa.

La tipologia “retrattile”

Questo gioiellino viene installato soprattutto nelle cucine: si tratta di una presa a scomparsa in tutto e per tutto, visto che per poterla rendere visibile bisognerà azionare un meccanismo che la farà “emergere” dal tavolo o da muro presso cui è stata installata. Il modello base possiede quattro prese che possono essere usate per qualsiasi elettrodomestico. Sono molto pratiche e comode, oltre a non occupare praticamente alcuno spazio e sono facili da installare e utilizzare.

le-prolunghe-logo

Le Prolunghe serie Eurocotto, una serie classica e affascinante

Eurocotto, vanto tutto italiano, è prodotta da “Le Prolunghe”, azienda storica leader nel mercato nazionale. Vediamo i prodotti di punta della serie con uno sguardo alla storia del brand.

Cenni storici

Quella de “Le Prolunghe” è una storia di vanto tutta italiana: l’azienda nasce in Trentino (più precisamente a Cunevo in Val di Non) nel 1987 e nello stesso anno inizia la produzione a livello artigianale di prese elettriche. Bastano pochi anni al marchio per imporsi sul mercato nazionale come assoluto leader: i prodotti offerti dal brand, infatti, le valgono il certificato di qualità dell’Istituto Italiano Marchio di qualità. Ancora oggi (e più che mai) l’azienda offre prodotti di primissima scelta, dominando in tutto e per tutto le classifiche di vendita.

La filosofia aziendale

L’impegno e la perseveranza nel produrre apparecchi sempre più in linea con le richieste del mercato senza rinunciare alla qualità sono solo due degli aspetti che hanno fatto sì che Le Prolunghe diventasse una delle aziende più importanti in Italia per quanto riguarda il settore delle prese elettriche. Nondimeno, i risultati raggiunti nel corso di trent’anni di onorata carriera sono valsi vari premi e riconoscimento al brand, come il già citato Marchio di Qualità. Il marchio continua la sua marcia verso il futuro, con un occhio di riguardo al progresso senza però mai rinunciare allo stile classico che la contraddistingue.

Le collezioni più amate

Parlando proprio di stile classico non si può non citare la famosissima linea “C’era una volta…” lancia sul mercato da “Le Prolunghe” nel 1993: questa serie prevede impianti elettrici, prese e cavi, realizzati completamente in maniera artigianale con uno stile che richiamava “i bei vecchi tempi”. La collezione ha avuto un successo stratosferico, consolidando ancora di più il successo dell’azienda sul territorio nazionale. Altra serie molto amata dai cliente è “Eurocotto”, realizzata anch’essa in maniera artigianale sfruttando, come il nome suggerisce, la terracotta.

La serie Eurocotto

Tramite un processo ben preciso di lavorazione dell’argilla, Le Prolunghe propone una collezione di prese e prolunghe realizzate proprio con questo materiale. La bellezza e il fascino senza tempo del cotto hanno conquistato i clienti, che hanno apprezzato la scelta dell’azienda di strizzare l’occhio al passato utilizzando questo materiale più “classico” rispetto alla moderna plastica. Inoltre, grazie ad uno speciale trattamento che il cotto subisce in fase di lavorazione, sarà praticamente impossibile consumarlo e rovinarlo, permettendogli di conservare senza troppi problemi il suo fascino.

Come illuminare il soggiorno, consigli utili e idee

Avere una buona illuminazione nel soggiorno è una delle chiavi per rendere questa stanza la più bella della casa. Bisogna però pensare ad illuminare la stanza rispetto all’uso che ne si fa: vediamo insieme come.

Un ambiente per il relax

Il soggiorno può essere la zona della casa destinata al relax di tutta la famiglia. Non sono televisione, il soggiorno può diventare un piccolo angolo di paradiso, se illuminato a dovere: la scelta di luci soft, calde, può aiutare in questo senso, dando una sensazione di maggior relax a chiunque si trovi nella stanza. Se si opta per questa tipologia di illuminazione, è bene scegliere delle lampade (solitamente delle piantane) a luce calda, meglio se al neon, da porre vicino al divano, creando un ambiente accogliente e confortevole.

La soluzione “a zona”

Sembra ovvio, ma è bene ribadirlo: il soggiorno non è una stanza unica, ma una stanza fatta di tante piccole sotto-stanze (o zone). Ogni zona necessita, quindi, di un’illuminazione adeguata e scelta appositamente per valorizzarla. Un esempio pratico è fornito dall’illuminazione a faretti LED da porre sul soffitto per l’illuminazione generica della stanza e dalla scelta delle altre fonti di luce per le restanti zone: per il tavolo del soggiorno, in questa particolare ottica, vengono scelte delle lampade a sospensione; per quanto riguarda il divano e la zona-tv, vengono scelte delle lampade ad arco, mentre per le restanti parti della stanza possono essere scelte sia le più comuni abat-jour che le più moderne strisce LED.

La soluzione moderna

Parlando proprio delle strisce a LED, esiste una soluzione per il living pensata proprio per questa innovativa tipologia di illuminazione: facendosi aiutare da un esperto, si può decidere di utilizzare le strip per coprire l’intero perimetro del soffitto della stanza (specie se irregolare, dandogli valore) e creare dei meravigliosi giochi di luce. Per le restanti parti, vengono comunemente utilizzate delle lampade a incasso, in modo da non uscire fuori dallo schema del fascio di luce proveniente dalla soffittatura.

La soluzione classica

Se non si vuole uscire troppo dagli schemi classici e adottare una soluzione più tradizionale, si può semplicemente adottare la soluzione più comune: un lampadario pendente sopra il tavolo, che fornisce la maggior parte della luce nella stanza, e lampade con bracci orientabili nelle restanti zone della stanza. Ovviamente anche la soluzione classica può essere modificata come più aggrada ai padroni di casa, quindi sperimentare nuove soluzioni e creare nuovi giochi di luce può essere un modo per reinventare uno schema classico senza uscire troppo dai binari.